Piccolo glossario del mah jong

Piccolo glossario del mah jong Come quasi tutti i giochi tradizionali, e in modo più evidente per la sua provenienza orientale, i giocatori hanno sviluppato un linguaggio e una serie di espressioni specialistiche che difficilmente sono comprensibili per i neofiti. Questo è una specie di dizionarietto: le espressioni sottolineate sono spiegate all’interno del glossario.

A monte Si dice che va “a monte” una mano in cui nessuno fa mah jong: tutti segnano zero punti e si passa alla mano successiva. A punto Essere “a punto” su una o più tegole vuol dire che si aspetta quella (o una di quelle) per fare mah jong. Aprire un fiore sulla vetta di una montagna (arcaico) Chiudere pescando sul tetto. B Bambù Sinonimo di canne. Bandierina (raro) In gergo, insieme di tre tegole di tre draghi diversi, necessario per alcuni grandi giochi. [Si chiama così perché i colori sono quelli della bandiera italiana] Beccare il gallo d’oro Chiudere prendendo il cinque di cerchi sul tetto. In passato era un grande gioco, poi è stato “declassato” dalla FIMJ a semplice raddoppio. Bianco vedi Draghi. Bouquet Insieme delle quattro tegole dei fiori. Breccia Apertura creata nel muro per l’inizio della distribuzione delle tegole. C Canne (o bambù) Uno dei tre semi delle tegole numerali. Caratteri Uno dei tre semi delle tegole numerali. Carretti Variante gergale di “caratteri”. Casa piena di pezzi Grande gioco per cui si ha una mano purissima costituita da un tris di assi, uno di nove ed un esemplare per ogni tegola dal due all’otto: si chiude con qualunque tegola dello stesso seme. Cerchi (o circoli, o palle) Uno dei tre semi delle tegole numerali. Charleston Variante americana in cui, dopo la distribuzione e prima del gioco vero e proprio, i giocatori si scambiano delle tegole. Chiamare Prendere una tegola appena scartata per completare una combinazione con le tegole in stecca. Chiudere, chiusura Fare mah jong sistemando tutte le proprie tegole in combinazioni (quattro combinazioni da tre tegole e una coppia, salvo casi particolari). Chow (o Tciao o Chi) Sinonimo di “scala”. Chung Drago rosso. Circoli vedi Cerchi. Cogliere un fior di pruno fuori stagione (arcaico) Beccare il gallo d’oro. Cogliere un fiore fuori stagione (arcaico) Chiudere pescando dal tetto o con l’ultima tegola. Colore Si definiscono “di colore” gli insiemi di combinazioni tutte dello stesso seme, per esempio “serpente di colore”. Coperto Detto di tegola di cui non è esposta la faccia con il valore; per estensione anche di combinazione tutta pescata (che quindi rimane “coperta” in stecca fino alla fine della mano). Coppia Combinazione di due tegole uguali. D Dipendente (arcaico) Di combinazione completata prendendo uno scarto. Draghi Tegole letterali di tre tipi: verde, bianco e rosso. E Est Uno dei quattro giocatori. All’inizio il ruolo di est è designato per sorteggio, poi segue il giro del turno di gioco. Est è il primo a tirare i dadi, a pescare, a giocare, ecc. Nella liquidazione dei punti paga e riscuote doppio. Est (Vento dell’) Tegola letterale dei venti. F Fat Drago verde. FIMJ Acronimo di “Federazione Italiana Mah Jong”. Fiori Onori supremi. Quattro tegole numerate dall’uno al quattro raffiguranti rispettivamente i fiori di susino, bambù, crisantemo e orchidea. Di ciascun fiore c’è un solo esemplare. G Gallo d’oro vedi “Beccare il gallo d’oro” Giardino vedi “Tetto” Giro (o Round) Insieme di mani tale che ogni giocatore è Est almeno una volta. Grande gioco Particolare chiusura che esce dalle normali regole, difficile da ottenere ma con un alto punteggio. Grande signore Giocatore che, per errori o sviste, si trova ad avere quattordici tegole invece di tredici. Grandissimo signore Giocatore che, per errori o sviste, si trova ad avere quindici o più tegole. I Incatenato vedi Serpente incatenato. Indipendente (arcaico) Di combinazione tutta pescata, sinonimo di “coperto”. K Kong (o Kung o Kan) Sinonimo di “poker”. L Letterale Di tegola dei draghi o dei venti, onore superiore. Limite Punteggio massimo oltre il quale non si conteggiano i punti: in genere 1000 (2000 per est); talvolta è usato come sinonimo di grande gioco. M Mah Jong Oltre al nome del gioco è anche sinonimo di chiusura: “fare mah jong” vuol dire chiudere la mano completando tutte le proprie combinazioni. Manche Nei tornei, turno di un certo numero di mani (in genere otto) con un tempo massimo (di solito 50/60 minuti). Massimo Limite, usato anche come sinonimo di grande gioco. Mingg Promemoria del vento di giro, in genere contenente un cubetto o quattro dischetti con gli ideogrammi relativi ai venti. Monte vedi A monte. Morta Di tegola scartata, che non può più rientrare in gioco. Muro (o muraglia) Disposizione delle tegole in due file sovrapposte messe a quadrato da cui si pescano le tessere. Corrispondente al “tallone” nei giochi di carte. Muro delle pedine libere Tetto. N Nam Vento del sud. Nascosto Sinonimo di coperto. Nord Uno dei quattro giocatori, alla sinistra di Est. Nord (Vento del) Tegola letterale dei venti. Nove figli riuniti (arcaico) Casa piena di pezzi. Numerale Di tegola che appartiene ad uno dei tre semi (cerchi, canne e caratteri) con un valore numerico da uno a nove. O Occhi (arcaico) Coppia. Onori superiori Altro nome delle tegole letterali. Onori supremi Otto tegole speciali: i fiori e le stagioni. Ordinaria Talvolta sinonimo di numerale. Ovest Uno dei quattro giocatori, opposto a Est. Ovest (Vento dell’) Tegola letterale dei venti. P Palla Talvolta usato come sinonimo di “tegola”. (vedi anche “Palle di centro” e “Palle di testa”.) Palle Sinonimo di cerchi. Palle di centro Tegole numerali non di testa. Palle di testa Tegole di testa: draghi, venti, assi e nove. Pedina Talvolta usato come sinonimo di tegola. Pei Vento del nord. Pescare la luna in fondo al mare Grande gioco (non più in uso) che premiava chi chiudeva pescando l’asso di cerchi come ultima tegola. Pescare la luna nel pozzo Pittoresca espressione per “chiudere con l’ultima tegola”. Secondo alcune versioni invece era un grande gioco che consisteva nel chiudere pescando l’asso di cerchi. Pescato Di combinazione completata con le tegole prese dal muro, non chiamate. Piccolo serpente Grande gioco consistente in un serpente di colore, una tegola per ogni vento e un drago. . . . . Piccolissimo signore Giocatore che, per errori o sviste, si trova ad avere meno di dodici tegole. Piccolo signore Giocatore che, per errori o sviste, si trova ad avere dodici tegole invece di tredici. Piegare Esporre una tegola parallela alla stecca invece che perpendicolare: serve per segnalare il proprio onore supremo o una combinazione tutta pescata. Pin Chui Mano nulla, andata a monte. Po Drago bianco. Poker Combinazione di quattro tegole uguali. Prendere il pesce dal fondo del fiume (arcaico) Chiudere con l’ultimo scarto. Professioni Stagioni. Talvolta sulle tegole delle stagioni sono raffigurati quattro mestieri. Puglia Insieme delle fiches rappresentanti punti che ogni giocatore ha in dotazione all’inizio del gioco (in genere 5.000 punti). Pung (o Pong o Pon) Sinonimo di “tris”. Punto vedi A punto. Purezza Nome ormai desueto per indicare la mano purissima: una volta era un grande gioco. Pura Di mano costituita da tegole numerali di un solo seme più tegole letterali. Purissima Di mano costituita solo da tegole numerali di un unico seme. Q Quattro benedizioni della casa Grande gioco per cui si chiude con tris, poker o coppia di tutt’e quattro i venti (più una combinazione qualsiasi). . . . . R Raddoppio Duplicazione del punteggio in base alle caratteristiche delle proprie combinazioni. Richi (o Riichi o Rhichi) Raddoppio spettante a chi fa mah jong mettendosi a punto su una singola tegola rinunciando a qualunque altro pezzo. [si pronuncia “riscì”] Rosa dei venti Insieme delle quattro tegole delle stagioni. Rosa dei venti Nome arcaico del grande gioco chiamato adesso “quattro benedizioni della casa”. Rosso vedi Draghi. Round vedi Giro. S Sai Vento dell’Ovest. Scala Combinazione di tre tegole numerali dello stesso seme con valore consecutivo. Scritti Usato talvolta come sinonimo di caratteri. Semi Come nelle carte occidentali, i semi caratterizzano le tegole numerali. Nel mah jong sono tre: caratteri, canne e cerchi. Serpente Serie di tre scale 1-2-3, 4-5-6 e 7-8-9. Se le scale sono dello stesso seme si parla di “serpente di colore”. Serpente incatenato Serie di quattro scale 1-2-3, 3-4-5, 5-6-7 e 7-8-9. Se le scale sono dello stesso seme si parla di “serpente incatenato di colore”. Stagioni Onori supremi. Quattro tegole numerate dall’uno al quattro raffiguranti paesaggi tipici delle quattro stagioni: nell’ordine primavera, estate, autunno e inverno; talvolta al posto delle stagioni ci sono quattro mestieri. Di ogni stagione (o professione) c’è un solo esemplare. Stecca Supporto su cui i giocatori dispongono le loro tegole. Per estensione anche l’insieme delle tegole in possesso di un giocatore. Sud Uno dei quattro giocatori: alla destra di Est, lo segue nel turno di gioco. Sud (Vento del) Tegola letterale dei venti. T Tegola Tessera con cui si gioca. In bambù, avorio, o altri materiali (attualmente quasi sempre in plastica), su una faccia reca incisi i segni che la identificano (ideogrammi, simboli, disegni) mentre sull’altra è del tutto bianca o di altro colore, comunque irriconoscibile. Di ciascuna tegola (tranne fiori e stagioni) ci sono quattro esemplari. Tessera Sinonimo di tegola. Teste Dette anche “tegole di testa” o “palle di testa”, sono le tegole numerali agli estremi della scala (cioè assi e nove) e le tegole letterali (draghi e venti). Tetto Insieme delle ultime quattordici tegole del muro; serve per reintegrare i fiori e le stagioni che si pescano, e le quarte tegole del poker. Viene chiamato anche “muro delle pedine libere” o talvolta “giardino”. Tredici lanterne meravigliose Grande gioco consistente in una chiusura con un esemplare per ogni tegola di testa di cui una raddoppiata. All’estero sono spesso dette “i tredici orfanelli”. . . . Tris Combinazione di tre tegole uguali. Tung Vento dell’est. Tung-tse Cerchi. Turno di gioco Il turno di gioco normalmente parte da Est, e prosegue in senso antiorario: Sud, Ovest, Nord, poi di nuovo Est, ecc. U Ultima tegola (o pedina) Ultima tegola del muro, che non viene scartata. Ultimo scarto Penultima tegola del muro, che è l’ultima ad essere scartata in quanto l’ultima tegola non si scarta. Chiudere chiamando l’ultimo scarto dà diritto ad un raddoppio. Uscita degli dei Grande gioco che consiste nel fare mah jong con le tegole di partenza (per Est) o con il primo scarto di Est (per tutti gli altri). V Venti Tegole letterali rappresentanti i quattro punti cardinali. Vento di giro (o di round) Vento dominante del giro: in coppia vale due punti, in tris o poker vale anche un raddoppio. Verde vedi Draghi. Vergine Di tegola di cui non è ancora stato scartato o esposto alcun esemplare. W Wan Miriade, diecimila, l’ideogramma presente in basso sulle tegole di caratteri. Woo (arcaico) Mah jong, nel senso di chiusura. la bibliografia è nella pagina degli “altrove” e integra un’attenta osservazione del linguaggio ai tavoli da gioco.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: